“Non so come vivere dopo la morte di mia madre”

Di recente, mia madre si è ammalata con il coronavirus, ma ha deciso di essere curata a casa perché aveva paura che nel villaggio tutti ci considerino emarginati. E in linea di principio, non volevo lasciare me e mia nonna da sola. Una settimana dopo, quando le sue condizioni sono solo peggiorate, ha chiamato un’ambulanza. Ma era già troppo tardi – era in condizioni molto cattive. Dopodiché, mia madre ha vissuto in ospedale per altri 3 giorni. Recentemente l’abbiamo seppellito.

Non so cosa fare dopo. Non ho visto mio padre – ha gettato me e mia madre prima della mia nascita. Ora vivo con mia zia, mi manca davvero mia madre e non so come vivere senza di lei.

Nikita, condoglianze alla tua perdita! Non puoi prepararti per queste cose, è sempre improvvisamente. Il dolore così chiamato ci aiuta a sopravvivere alla perdita e ad affrontare le esperienze: il processo adattivo della nostra psiche, che aiuta a resistere al carico emotivo.

Ora è difficile per te, ti perdi. Questo va bene. Non c’è bisogno di aver paura o di essere timido. Consenti a te stesso di accettare emozioni, sopravvivi a loro e non vicino, se vuoi piangere – hai tutto il diritto di farlo. Non ascoltare coloro che dicono: “Calmati, non piangere, è inutile”. È importante sopravvivere ed elaborare le tue esperienze. E il desiderio di evitare una forte sofferenza e proibire te stesso emozioni: il principale ostacolo nel normale corso del dolore.

Fondamentalmente, il lavoro del dolore dura circa un anno quando arrivano le date associate alla persona scomparsa e la sensazione di perdita è esacerbata. Non pensare che questa condizione rimarrà con te per sempre, ma non aspettare cambiamenti istantanei: non sono in questo processo.

Soul Pain ci dà una risorsa, energia per lanciare il lavoro del dolore. Non puoi cambiare il passato, ma puoi mantenere una brillante tristezza e ricordi della mamma.

Cosa puoi fare ora per aiutare te stesso:

  • Richiedere supporto alla hotline dell’assistenza psicologica;
  • Non chiudere in te stesso. Se possibile, sii accanto ai propri cari e agli amici di cui ti fidi. Pronunciare, non chiudere dal mondo;
  • Non essere timido e non mantenere le emozioni in te stesso. Ricorda che Grieve e Grieve sono normali. Attraverso il lavoro spirituale

    Dal momento che non dovresti mentire troppo sulla schiena nel secondo e terzo trimestrers, dovrai rifiutare la posizione missionaria. Invece, girare sul lato, posa i cuscini sotto i glutei impotenza i primi segni la parte posteriore. Lascialo cadere di fronte a te sul lato e attraversa le gambe con le tue.

    , la tua psiche affronterà gradualmente questo stato;

  • Trova un gruppo di supporto: persone in una situazione simile che può supportare, ascoltarti;
  • Permettiti di dire addio alla mamma. Grazie, dì tutto quello che non hai avuto il tempo di dirglielo. Questo non ti permetterà di vivere con alcune inaccettazioni, risentimento;
  • Non incolpare te stesso per quello che è successo, perché la decisione di trattare la madre non è stata presa da te.

Puoi cercare supporto chiamando i seguenti telefoni:

  • Helpline unificata del Ministero delle emergenze +7 (495) 400-99-99
  • Crisi di fiducia gratuita 8 (800) 333-44-34
  • Servizio di assistenza psicologica di Mosca +7 (499) 173-09-09

Puoi anche contattare il servizio di assistenza psicologica gratuita per la tua città o l’assistenza psicologica gratuita online, ad esempio, con il Ministero delle Emergenze .

Shopping cart

close